Blog

Blog: Piccole disavventure cosmetiche estive ☀️

Ciao a tutti, come state?

Oggi voglio parlarvi della mia piccola disavventura dei giorni scorsi con alcuni prodotti per la beauty routine serale.

Siete tutti consapevoli che in questi giorni ha fatto (e continua a fare, almeno qui 😥) un caldo assurdo per il mese di giugno!

Un paio di settimane fa, una sera mi detergo il viso con il detergente al karité de I Provenzali e vado a terminare la mia skincare routine con il tonico alla rosa mosqueta de I Provenzali Bio e il siero Melograno e olio di Argan di Bionova. Dopo il siero, e mentre mi accingevo a mettere la crema, mi accorgo che la pelle del viso inizia ad arrossarsi al che mi blocco e non metto più niente. Dopo poco mi passa ma ovviamente ho cominciato a pensare: come mai??? Non mi è mai successo….

La sera dopo cambio il detergente con quello di Bionova, il tonico lo sostituisco con l’idrolato di Hamamelis e come siero utilizzo quello purificante di Biofficina Toscana…. dopo poco il viso diventa rosso fuoco al che velocemente mi sciacquo e non metto più niente aspettando che passi….ecco!…ho pensato…sono diventata allergica a qualcosa!?!? Poi però ho riflettuto sull’accaduto e ho fatto il punto della situazione.

Morale della favola, per la prima sera i sospetti sono ricaduti sul tonico. Premetto che il tonico dei Provenzali ha sempre avuto un pessimo odore per quel che mi riguarda e quindi non mi ero resa conto che forse era andato a male. Comunque l’ho prontamente eliminato!

Ma la seconda sera? Visto che avevo cambiato tutti i prodotti? Ebbene con mio grande dispiacere mi sono resa conto che il siero purificante di Biofficina Toscana era andato a male. Non me ne sono resa conto subito ma il colore era cambiato leggermente diventando più giallognolo e l’odore era più forte, ma di poco…. insomma alla fine ho dovuto eliminare anche quello….uffff!!!!

Una volta eliminati questi due prodotti non ho avuto più problemi.

Il caldo li ha rovinati probabilmente perché non li tenevo all’interno del mobile del bagno (luogo fresco e asciutto) ma fuori vicino al lavandino. In realtà, pur sapendolo, non ci ho proprio pensato che i prodotti bio non contenendo conservanti chimici sono più delicati e soffrono gli sbalzi termici. I prodotti commerciali pieni di conservanti chimici tipo i parabeni che utilizzavo prima riescono a sopportare meglio il calore. Infatti non mi era mai capitato che mi si rovinassero due prodotti insieme…..sbagliando si impara…. mi dispiace solo di aver imparato sulla pelle del mio povero siero di Biofficina Toscana 😫😩 Pazienza, colpa mia…Adesso ho preso tutti i prodotti cremosi o delicati che non entrano nel mobile….visto che è leggermente pieno 😅 e li ho messi in frigorifero…. caldo nun te temo più 😤 Anche a voi sono capitate disavventure simili?

Ditemi che non sono l’unica 😂😂😂

Spero che aver parlato della mia piccola disavventura possa essere di aiuto ad altre ragazze per evitare di avere lo stesso problema in questo periodo di caldo afoso 🔥😆 sopratutto per quelle che si sono avvicinate al bio da poco! 😊

Ciao a tutti!

Emanuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *